Roccanova

Arrivo a Roccanova proprio nella settimana che precede la festa di San Rocco, molto venerato in questa zona della Basilicata. Il paese, e in particolare le chiese, erano tutte allestite in vista della sentita ricorrenza e lungo le vie campeggiavano colorati bandoni inneggianti alla vergine Maria e a San Rocco.

Molti borghi lucani sono simili, ma ognuno ha la sua caratteristica. Posso dire che di Roccanova mi hanno colpito le vie particolarmente strette e tortuose del “castello“, punto più alto dell’abitato, dove si trova la chiesa madre, la cui torre rossa è ben visibile da ogni punto.

In questi piccoli borghi, lontani dalla frenesia delle grandi città, è ancora possibile scoprire autentiche testimonianze del passato, come l’insegna in ceramica smaltata dello “Spaccio di pesce“, datata 1881. Anche le chiese e cappelle disseminate lungo le vie del Paese talvolta nascondono veri e propri tesori d’interesse religioso, culturale e artistico, come questa statua lignea della Madonna con bambino, conservata nella Chiesa Madre.

Prodotti tipici

Il “Grottino di Roccanova“, vino rosso fermentato nelle caverne tufacee del posto.

Altri siti web

Scopri altri luoghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.