Basilicata Tales – Gita sul Raparello

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Tra le varie scampagnate che ho fatto nel corso degli anni nella bellissima Basilicata, questa volta vi racconto la visita sulla cima del monte Raparello ed la relativo santuario, Cima del monte Raparello e Cappelladedicato alla Madonna della Rupe (venerata soprattutto dai San Martinesi). Vi si arriva da due possibili strade: salendo da Spinoso  verso il monte Raparo e poi prendendo la deviazione sulla destra oppure direttamente da San Martino sul Raparo (strada in migliori condizioni). E’ una bella salita percui assicuratevi di avere la macchina in buone condizioni ! Panorama della Val d'AgriIl panorama è stupefacente: dalla cima del Raparello si può vedere tutta la Val d’Agri ed anche oltre, arrivando a vedere San Chirico Raparo, Missanello, Guardia Perticara, Gallicchio, Aliano e, in lontananza, il maestoso Monte Pollino. Arrivati sulla cima, tra prati rocciosi, cardi e branchi di vache al pascolo, si può visitare (in questo periodo è aperto perchè stanno preparando la celebrazione della Madonna della Rupe) la cappella, risalente all’inizi del 1900. Assolutamente imperdibile perchè si può vedere le famose “cente”: delle specie di cesti realizzati con candele ed immagini sacre, tutti addobbati, portati ed offerti alla Madonna. Cappella di raparelloDettaglio scultura lignea Madonna della RupeLa campana per avvisare i fedeliPanorama.Panorama di San Martino Raparo

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 24/08/2010

    […] “Santuario della Madonna della Rupe” sulla vetta del Monte Raparello (di cui ho già parlato in questo post) e portata, rigorosamente a spalla, fino alla chiesa in paese, lungo un tragitto di circa […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: