Giorno 11: Sant’Isidoro e Baia di Porto Selvaggio

Oggi giornata di relax in riva al mare, sempre sul tranquillo litorale della Palude del Capitano a Sant’Isidoro, dove la nostra Margot ha nuovamente dato spettacolo con le sue incredibili capacità natatorie in quella bella acqua cristallina ed a tratti fredda a causa delle sorgenti di acqua dolce sotterranee. La sera, decidiamo di visitare la Baia di Porto Selvaggio, particolarmente famosa, così parcheggiamo nell’ampio spiazzo gratuito predisposto a parcheggio (@40.1622053,17.968836) e ci incamminiamo verso la baia attraverso la profumata pineta. Dopo circa 1 km di cammino, arriviamo in questa bella baia rocciosa con la torre cinquecentesca di Torre dell’Alto, ancora affollata da decine di bagnanti intenti a godersi le acque cristalline della baia.

Tornati al camper mentre il sole si tuffa in mare pitturando il cielo di fantastici colori, torniamo a Sant’Isidoro per cena, decisi a gustarsi un bel piatto di pesce al Ristorante Romualdo, proprio accanto alla Torre omonima, per concludere la serata con due passi sul lungomare.

NOTA PER I CAMPERISTI: volendo potete sostare anche per la notte nell’ampio spiazzo sterrato, vicino ad una fresca pineta, in prossimità dell’inizio del sentiero per Baia di Porto Selvaggio alle coordinate @40.2169464,17.9230642. Per eventuale rifornimento di acqua potete andare alla vicina fontanella lungo la SP 286 alle coordinate @40.1524642,17.9811474. Preciso che non vi è possibilità di scaricare ma solo di carico acqua potabile.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: