6° Corsa podistica del Donatore

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Domenica 8 Maggio, una bella giornata di primavera con un sole che invita proprio ad uscire di casa. Reduci da un sabato al mare, decidiamo di andare a fare questa bella corsa podistica di 11km tutta nelle campagne tra Uopini e Badesse. E’ la prima volta che partecipo, come concorrente, a questa gara e sono veramente curioso di vedere come va a finire. Mia moglie era già alla seconda esperienza: la sua prima gara è stata la 5° edizione ed, in qualche modo, ci si sente affezionata.

Partenza alle ore 9:30 dal Parco di Uopini. C’è un bel pò di gente, anche perchè è una gara con dei bei premi ed un ricco ristoro. Si parte e dopo 300mt di asfalto si entra subito in una strada sterrata che scende verso valle. Tutt’intorno i campi sono di un bel verde smeraldo e la fresca brezza mattutina non ha ancora ceduto il passo al caldo sole di Maggio. SI corre veloce, attenti a non scivolare nella strada di breccia, fino ad arrivare in prossimità della ferrovia dove la strada, ormai di terra battuta, torna a salire ripida verso la Strada di Basciano.Nella salitona, davvero ripida e faticosa, quasi tutti camminano. Quasi per scherzare riesco a dire: “oibò…o che son capitato in mezzo ad una passeggiata ?” attirando gli sguardio stravolti degli altri podisti.

Dopo un 500mt di salita spaccagambe, poco dopo il 3° Km, ecco l’agognato ristoro.

Il percorso torna sull’asfalto, una bella discesa lungo la Strada di Basciano, in direzione Badesse. Alle Badesse si svolta e si torna verso Uopini, 5km di salita tutti sotto il sole ormai vicino all’apogeo. L’asfalto è caldo e la timida brezza non riesce a rinfrescare i corpi sudati dei podisti che sbuffano lungo la salita.

Metto la “ridotta”, testa bassa e si corre senza troppo pensare alla fatica. All’8°Km altro ristoro, dove ne approfitto per bagnarmi la testa e refrigerarmi un pò. La canottiera è matida di sudore ma ormai, pur distrutto dalla salita, sono deciso ad arrivare fino in fondo. Affianco il “subbe” che sbuffa come una locomotiva dell’800: “dai, dai…è quasi finita !”. Già si scorge Uopini in cima alla collina e quasi sembra un miraggio, sotto questo sole caldo.

Arriviamo quasi sulla sommità della collina ed una breve discesa permette di riprendere un pò le forze, in vista dell’ultima -ripida- salita che ci separa dall’abitato. 300mt di pianura e poi una breve discesa fino all’arrivo, giusto per la volata finale.

Concludo in 1h00m17s, niente male per una gara di 11km a cui sono arrivato anche abbastanza stanco.

Il pacco gara comprende una piantina ed un vasetto di miele artigianale. Mia moglie, seconda di classifica, vince anche un bel capocollo. La mattinata termina con i premi a sorteggio, ai quali vinco addirittura un bel borsone…il mio primo premio a sorteggio !

 

 

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: