E’ sicuro fare le ferie in Grecia ?

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

In procinto di partire per 15 giorni di vacanza in Grecia, alla luce dei recenti avvenimenti tra il Governo Greco e la “Troika”, qualche scrupolo sembra scontato.

In particolare, a quanto ho avuto modo di appurare guardandomi in giro, il problema più probabile potrebbe essere una difficoltà nel riuscire a prelevare contante dagli ATM a causa della chiusura delle banche e conseguente non approvvigionamento dei bancomat: problema risolvibile portando con sé del contante in più, ricordando che il limite di contante per l’espatrio è di 10.000€ a persona (limite per il quale non è obbligatoria la dichiarazione in dogana).

Per il resto, potrebbero esserci difficoltà nei servizi pubblici (treni, autobus, stazioni ed aeroporti) dovuti a scioperi ma anche questa situazione è probabile nelle grandi città (Atene, Salonicco) e molto meno nei piccoli centri e nelle isole, dove la vita scorre abbastanza normale.

Unica difficoltà, anche se l’anno scorso a Chania (Creta) non abbiamo avuto alcun problema nell’ospedale pubblico (una banale “polmonite” che ci ha costretto ad un breve ricovero), potrebbe essere la sanità nel caso -sfortunato- dovreste averne bisogno: in questo caso alcune autorevoli testate consigliano la stipula di una assicurazione sanitaria che copra eventuali costi di ricovero presso strutture private ed un eventuale necessità di rimpatrio anticipato.

Detto questo, ad eccezione di chi si appresta a partire per qualche bellissima isola dell’Egeo o dello Ionio, è bene portarsi dietro il passaporto nel caso eccezionale di problemi nei porti per la partenza dei traghetti: alle brutte, risalendo per l’Albania-Montenegro-Croazia e Slovenia si può sempre tornare in Italia via terra…

Per concludere, al di là di scenari apocalittici altamente improbabili, fare le vacanze in Grecia vuole essere sia un modo per aiutare i fratelli greci ad affrontare la crisi che un segnale forte alla plutocrazia europea di solidarietà a questo bellissimo ed accogliente paese, con il quale noi italiani condividiamo ben più che “una faccia, una razza”.

Buona vacanza !

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: