Un “piatto di pasta” da passeggio…nel centro di Siena !

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

L’altro giorno, passeggiando per Via di Pantaneto, ho notato un nuovo negozio: “Pasta e Vai“. Non essendo ora di pranzo né di cena, mi sono giusto soffermato a scrutare, incuriosito, di cosa si trattasse.

Oggi, avendone l’occasione, sono andato a “provare” di persona questa curiosa idea di mangiarsi un “piatto di pasta” da passeggio: al posto di un panino, che comunque ha sempre la sua dignità (volete mettere due belle fette di pane casalingo cotto a legna con un saporito prosciutto toscano ?), è possibile gustarsi un bel piatto di pasta calda e fumante senza troppe formalità o impegno, servito all’interno di un box di cartone che ricorda moltissimo i take-away orientali.

Così, mentre mi preparano dei fumanti pici all’aglione (si sceglie tra i tipi di pasta ed i condimenti lì esposti), scambio due parole con il ragazzo al bancone: non è un volgare franchising ma l’iniziativa innovativa ed imprenditoriale di questi ragazzi senesi, avviata circa un mese fa.

Mentre il sughetto all’aglione sfriggola in padella, pronto per accogliere i pici e diventare uno dei piatti classici della tradizione toscana, mi rallegro che a Siena vi sia ancora una anima imprenditoriale viva e capace di essere innovativa, portata avanti coraggiosamente da giovani senesi.

Per finire, dopo essermi gustato questa bella porzione di pici all’aglione, non ho potuto resistere a darne testimonianza attraverso il mio blog, sperando di contribuire al successo di questa interessante iniziativa.

P.S. I pici all’aglione, per chi non avesse avuto la fortuna di assaggiarli, sono un piatto della tradizione realizzato con pasta fresca preparata artigianalmente con semola di grano duro ed acqua. Giusto per dare un’idea di qual’è la forma, sono degli “spaghettoni grossi” di pasta fresca. Il sugo è realizzato con pomodoro fresco ed aglio, passato in padella, al quale uso sovente aggiungere una bella foglia di basilico. Il tocco finale è una abbondante spolverata di formaggio grana padano o parmigiano.

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: