Le mani in pasta

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Ieri sera mi sono recato presso la Sala dei Mutilati, in Via Maccari, per assistere alla presentazione dell’ultima fatica letteraria di Raffaele Ascheri, alias l’Eretico di Siena: “Le mani in Pasta“.

In questo libro Raffaele ripercorre le gesta dell’On. Ceccuzzi, ex sindaco di Siena, con particolare riferimento al crack Amato.

Alla serata, con la sala desolatamente sguarnita (20-30 persone presenti, al massimo), presenziava l’autore, coadiuvato dai giornalisti Max Brod e Raffaella Zelia Ruscitto, de “Il Cittadino OnLine“.

Interessante, tra gli altri, l’intervento di un cittadino “torraiolo” che, dichiarando di aver letto il libro e di condividere quanto ivi scritto, si è comunque dichiarato “contradaiolamente offeso” perché nel libro viene citata solamente la Contrada della Torre e non tutte le altre contrade che hanno avuto rapporti con Franco Ceccuzzi.

Ammetto che non ho ancora né acquistato né letto il libro, troppo preso da altri impegni che mi limitano molto i tempi disponibili per la lettura.

Per il resto, a parte una inquietante telecamera con relativo operatore pronta a riprendere tutti gli intervenuti, è stata una serata interessante.

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: