Jitsi – Videoconferenze gratis, veloci, per tutti

“Le conversazioni faccia a faccia sono molto più efficaci, e le videoconferenze
sono sempre un ripiego rispetto a una tazza di tè bevuta insieme.”
Richard Branson

La citazione di Branson è sicuramente condivisibile. Ma ci sono delle situazioni, soprattutto in ambito professionale, dove non è sempre possibile essere fisicamente presenti e, quindi, uno strumento di videoconferenza diventa una alternativa decisamente interessante.

Di soluzioni per le videoconferenze, sia chiaro, ne esistono a decine. Ad iniziare da quelle più blasonate, come Skype, WebEx o Lifeside. Che peraltro, a meno che di non accontentarsi delle versioni free, se disponibili, hanno un costo non proprio trascurabile.

In questo articolo vi presento una soluzione open-source, gratuita, illimitata e liberamente disponibile: Jitsi Meet, sviluppato dai ragazzi di Atlassian, una innovativa azienda con base a San Francisco.

Ho appena assistito alla presentazione di questo prodotto, ed avendo il portatile sotto mano ho avuto modo di provarlo live e -wow !- ha funzionato perfettamente, senza problemi, direttamente dal browser !

P.S. la pessima qualità dipende dalla mia webcam e dalla brutta luce ambientale presente qui.

E’ sufficiente andare sul sito https://meet.jit.si ed inserire il nome di una stanza che vogliamo creare o alla quale vogliamo partecipare, ad esempio https://meet.jit.si/zerozone (il nome è a vostra scelta). Vi verrà poi richiesto di consentire al browser di accedere al microfono e alla webcam (se presente), dopodiché la videoconferenza ha inizio. Se siete i creatori, ovvero i primi a partecipare, potete impostare alcune comode opzioni come una password per l’accesso (videoconferenze private), invitare altri alla conferenza inviando il link, fare conferenze in broadcasting (dove gli altri partecipanti guardano e basta) etc etc etc…

Ovviamente ogni partecipante può impostare il proprio nome e avatar (inserendo la propria e-mail Gravatar).

Se il prodotto vi piace, potete installarvi la vostra personale istanza di Jitsi Meet, disponibile su GitHub. Su Debian, ad esempio, potete aggiungere il repository ed installare il pacchetto direttamente da linea di comando, seguendo le istruzioni qui: Jitsi Meet Debian installation.

Inoltre, grazie ad un ulteriore modulo chiamato JiBri -Jitsi Broadcaster-, anche questo open-source, è possibile effettuare lo stream della videoconferenza direttamente su Youtube: decisamente interessante nel caso di conferenze miste, dove oltre ai partecipanti attivi si ha la partecipazione anche del pubblico esterno.

Per finire, è possibile ovviamente partecipare anche dal proprio smartphone installando l’app Android gratuita Jitsi Meet (disponibile anche per iPhone).

Non mi resta che augurarvi… buona videoconferenza !

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 22/09/2018

    […] la costruzione di nuovi servizi in tempo reale, come chat e videochiamate (ad esempio lo stesso JitsiMeet, di cui avevo parlato qualche tempo fa, funziona proprio grazie a […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: