Risparmio a tutti i costi ? La mia opinione sul Consorzio Energia Toscano

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Reduce da una bella discussione (finalmente !) in Consiglio Comunale, su una proposta di delibera che, ad un primo sguardo, sembra anche banale: l’adesione del Comune di Siena al Consorzio Energia Toscana scarl.

Un passo indietro, per chiarire ai “non addetti ai lavori”.

Il Dl 95/2012, all’art.1 comma 7, sancisce un “obbligo specifico per tutte le amministrazioni pubbliche di  fare ricorso alle convenzioni Consip o a quelle delle centrali regionali per l’acquisto di una serie di beni e servizi a consumo intensivo: energia elettrica, gas, carburanti rete e carburanti extra-rete, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e telefonia mobile” a meno che non vi siano offerte più convenienti .

In questo caso il Consorzio offre tariffe più convenienti, che però richiedono l’adesione allo stesso ed una quota annuale per la gestione delle forniture di energia elettrica e gas naturale, quantificate in 6828,72€ (di cui 758€ come quota sociale).

[alert style=”grey”] Il testo della delibera è disponibile a questo link [/alert]

Inizialmente, ad un primo sguardo, l’offerta è allettante: mi consorzio, acquistando una piccola quota sociale (in buona compagnia, peraltro: sono 69 le consorziate publiche) e risparmio ben 10207 € per l’energia elettrica e 18231 € per il gas (cifre stimate sulla base dei consumi del 2013).

Tuttavia sorgono, subito dopo, alcuni dubbi.

Il primo è sull’opportunità di avere l’ennesimo Ente pubblico, che si sovrappone alle Convenzioni CONSIP, e di cui ovviamente vengono retribuite le cariche societarie, come evidenziato dalla pagina web Trasparenza, valutazione e merito anche se con dati risalenti al 2010:

Consiglio di Amministrazione

Marco Gomboli (Presidente): euro 25.600,00
Paolo Grassi (Consigliere): euro 600,00
Riccardo Basosi (Consigliere): euro 600,00

Comitato di Indirizzo e Vigilanza

Davide Arduini (componente): euro 400,00
Rita Bonciani (componente): euro 400,00
Marcello Morandini (componente): euro 400,00

Dirigenza

Luca Perni (Direttore): euro 52.200,00

Eticamente parlando, può una Amministrazione Pubblica, che utilizza le risorse economiche dei contribuenti (leggasi: tasse), fomentare o anche solo supportare l’ennesimo ente/consorzio dalla dubbia utilità ?

Vi sono poi altri dubbi, più tecnici: ad oggi le tariffe proposte dal CET sono le più convenienti. Ma se, mettiamo caso, tra due anni non lo fossero più e l’Amministrazione si trovasse obbligata ad aderire alla Convenzione CONSIP, come previsto dalla legge ? Cosa succede alla nostra partecipazione al capitale consortile ? Si potrebbe addirittura configurare un danno erariale a seguito dell’adesione al consorzio stesso ?

Tanti i dubbi e le domande non risposte. Inoltre sul sito web del CET non sono stato poi capace di reperire i bilanci (vi ricordo che, essendo un consorzio, si condivide oneri ed onori…) per capire lo stato di salute del Consorzio in oggetto.

Comunque, tanto per chiarire, la delibera è stata APPROVATA con i voti favorevoli della maggioranza (PD+Sel+SienaCambia) ed i voti CONTRARI dell’opposizione.

Vedremo se la storia ci darà ragione oppure torto.

Nella foto: la pulsantiera per il voto nella Sala del Capitano, Comune di Siena, sede del Consiglio Comunale.

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: