OpenCoesione: qualche informazione su dove vanno a finire parte dei nostri soldi

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Mi sono sempre chiesto che fine facciano i soldi che ogni giorno, ad ogni acquisto, in ogni busta paga, nelle fatture e negli F24, pago in tasse (occulte o meno).

testata

Per puro caso, tra i risultati di una ricerca in Rete, ho scoperto il portale OpenCoesione (http://www.opencoesione.gov.it):

Dati e informazioni sugli interventi delle politiche di coesione territoriale. In particolare, i progetti, i finanziamenti, i luoghi e gli ambiti tematici in cui intervengono, i soggetti coinvolti e i tempi di realizzazione.

E’ un sito web realizzato dal Ministero della Coesione Territoriale ed altri soggetti pubblici governativi che contiene, tra l’altro, interessanti spunti di indagine per quanto riguarda l’uso dei fondi per i vari POR (Programmi Operativi Regionali), FESR (Fondo Europeo Sviluppo Regionale), CRO (Competitività Regionale e Occupazionale)…

Scheda progetto

Scheda progetto

Per ogni progetto finanziato, ricercabile per area territoriale (Regione, Provincia, Comune), è disponibile una breve descrizione, l’entità dei fondi previsti, i soggetti eroganti, i fondi erogati, le date di inizio e di fine del progetto.

Ad esempio, per il progetto “COSTITUZIONE DI UN SERVIZIO DI BIKE SHARING ELETTRICO NEL COMUNE DI SIENA“, si apprende che dei 97.000€ necessari l’Unione europea contribuisce per 31.635€. Vi è poi un co-finanziamento nazionale di 48.990 €, la Regione eroga 7.363 € ed il Comune 9.010 €.

Vi sono poi tutta una serie di dati statistici, tra cui l’entità dei fondi erogati, la quota pro-capite per l’area interessata (in Toscana, i cittadini di Radicondoli hanno ricevuto fondi per oltre 7200€ pro-capite, ad esempio…).

Tuttavia i dati non sono ancora completi, come ben indicato nella pagina delle domande frequenti:

Non ci sono dati sui risultati dei progetti in termini di qualità di vita dei cittadini (perché la vecchia programmazione non chiedeva agli amministratori di esplicitarlo), non ci sono informazioni su chi beneficia concretamente dei singoli interventi (a eccezione di alcuni casi).

Mancano anche descrizioni puntuali su “cosa fanno” i progetti, oltre a quelle desumibili dal titolo e dalle variabili tematiche e territoriali associate a ciascun intervento.

I dati sull’attuazione fanno riferimento al 31 dicembre 2011 e si riferiscono ai progetti inclusi in programmi cofinanziati con Fondi Strutturali europei, a eccezione dei programmi di cooperazione internazionale o transfrontaliera.

I dati, rilasciati con la licenza CC BY-SA 3.0 , sono esportabili per motivi di studio o di analisi e tutto il sistema è stato costruito utilizzando software libero e basato su server Debian Linux.

Nella foto: dettaglio facciata del Comune di Tramutola (PZ)

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: