Nessuno vince, nessuno perde: questa è politica !

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

“Grillo ha perso !” si sente ripetere in continuazione, come una eco persistente che da giorni rimbalza sui media e sui social network.

Le elezioni, per quanto può sembrare strano ad un popolo di allenatori, ct, esperti di sci e tifosi, non sono una partita di calcio dove c’è chi vince e chi perde: c’è chi arriva primo, chi secondo e chi ultimo…ma nessuno perde !

Questa non vuole ovviamente essere una consolazione al risultato non proprio entusiasmante delle Europee, che comunque hanno confermato un 20% non proprio trascurabile, ma una riflessione su cosa significano le elezioni politiche e la relativa campagna elettorale.

Partiamo dalla campagna elettorale: lo scopo di questo periodo è cercare di convincere la maggior parte dei cittadini che la propria idea è la migliore, comunicando attraverso i volantini, la tv, i manifesti la propria visione politica e le prorie idee.

Si può fare campagne elettorali in tanti modi e l’ultima, se mi è permesso, è stata forse una delle più brutte della storia: il vero obiettivo, la nomina dei rappresentanti italiani nel Parlamento Europeo, è stato praticamente ignorato e tutto si è trasformato (è stato trasformato) in una sorta di referendum pro-contro Renzi o, a seconda dei punti di vista, pro-contro Grillo.

Alla fine anche il risultato probabilmente è da leggersi sotto questa chiave: il 40% di coloro che sono stati a votare (circa il 60% degli italiani) ha scelto Renzi (PD), il 20% Grillo (M5S) e le restanti forze politiche si sono spartite il resto dei voti.

Comunque, dopo la campagna elettorale, si arriva alla prova del voto, dove gli elettori decidono a chi dare la loro delega, o fiducia.

Vittoria ? Debacle ?

Alla luce del mio precedente ragionamento, sempicemente le idee e le proposte del MoVimento 5 Stelle (non di Grillo, attenzione !) non sono state ritenute valide dall’80% di coloro che si sono recati alle urne.

Giusto o sbagliato che sia, partendo dal presupposto che l’elettorato sia maturo e consapevole delle sue scelte, è semplicemente così.

Personalmente, infatti, non ci credo che gli italiani “si sono spaventati dai toni di Grillo“: siamo un popolo così infantile ? No, non voglio crederlo.

Io credo che, al di là di qualche errore di comunicazione che sicuramente è stato fatto (ma di cui, però, nessuna delle forze politiche ne è stata esente…), il problema non è il numero di voti “conquistati” ma il fatto che il messaggio politico del MoVimento 5 Stelle non è piaciuto o non è stato compreso.

Lo ammetto, le aspettative erano forti: dopo un anno in Parlamento, dove i nostri deputati hanno fatto tanto e sono riusciti, pur se all’opposizione, a fare comunque molto (rinuncia dei rimborsi elettorali, decurtazione delle stipendio per devolverli alle PMI…), credevo -speravo- che gli Italiani avessero comunque compreso cos’è il MoVimento 5 Stelle. O forse l’hanno compreso, ma non è piaciuto.

Ma, del resto, è anche vero che non siamo “venditori di pentole” e non bisogna vincere “a tutti i costi”. Forse, troppo abituati all’inciucio ed all’accordo, ci siamo dimenticati che in democrazia è normale avere una pluralità di forze politiche, con idee diverse, ed è anche normale che sia l’elettore a decidere a chi delegare l’onere di governo. E non necessariamente vince “il migliore”: vince colui che riesce a conquistare la fiducia della maggioranza degli elettori, anche usando mezzi non sempre eticamente corretti (ogni riferimento agli 80 euro è puramente casuale…).

Alla fine però, come ho già detto altre volte, ogni scelta comporta una responsabilità. Ed è giusto che gli elettori si assumano la responsabilità delle loro scelte, nel bene e nel male.

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: