Milioni che vanno, milioni che vengono, milioni che scompaiono

Il linguaggio dei nostri politicanti è ormai infarcito di termini economici, di cui il più ricorrente è “milioni”.

Milioni (di euro) per qualunque cosa, promessi davanti ai microfoni senza pensare alle conseguenze, senza rispetto per i cittadini, senza ritegno né alcuna etica.

La comunicazione politica è ormai tutto un “milioni” di promesse: 100 per l’Ospedale Le Scotte, 7 per il Santa Maria della Scala, 100 per la Fondazione MPS richiesti all’ex-dg Vigni (ai quali vanno aggiunti i 245 per la banca MPS) a seguito della condanna in primo grado del Tribunale Civile di Firenze per la vicenda del derivato Santorini, 33 milioni di risarcimento chiesti a seguito del fallimento della Mens Sana etc etc etc… per poi scoprire che tutti questi milioni in divenire, spesso, sono solo promesse (elettorali) che non saranno mai mantenute.

Sono invece tragicamente reali i “milioni” che se ne vanno, quelli in uscita dalle tasche di tutti noi cittadini, come i 14 milioni per l’ATO 6 Rifiuti Toscana Sud, finalmente sotto la lente degli inquirenti per alcune presunte irregolarità che denunciamo, come MoVimento 5 Stelle, da anni. Milioni quelli che mancano nel bilancio di Siena Casa e milioni anche quelli che finiscono nelle casse dei Consorzi di Bonifica. Milioni mancanti nella sanità, nell’università, nella scuola, nelle infrastrutture pubbliche. Milioni sprecati, come quei 35 che marciscono in Val d’Arbia per la bretella della Cassia tra Monteroni e Monsindoli. Milioni (più di 10 !) quelli “sprecati” nel Contratto di Quartiere a San Miniato, parzialmente incompiuto da anni ed abbandonato (forse vedremo qualcosa di nuovo a fine 2016, dice l’Assessore Mazzini). Milioni anche per quella famosa “Cittadella dello Sport” a Borgovecchio, voluta dalla Giunta Cenni e poi naufragata ancora prima di iniziare il cantiere (per fortuna, dico io !). Milioni per la nuova caserma dei VVFF al Ruffolo, progetto avviato nel 1997 diventata operativa nel settembre 2014. Quasi un milione la pista ciclabile tra Belverde ed i Due Ponti e mezzo milione per il “bike sharing” a Siena.

Milioni, miliardi (almeno 60) quelli mancanti dalla Banca e dalla Fondazione MPS, sprecati grazie a prestiti ed operazioni spericolate di cui ancora non conosciamo i responsabili ma di cui vediamo gli effetti, drammatici, sulla nostra Siena.

Milioni di € promessi e mai arrivati, come quelli per Le Scotte che il Sindaco, ieri l’altro, ha candidamente detto: “non ci sono più !”). Milioni di € delle nostre tasche letteralmente sprecati da incapaci spesso in malafede, che non pagano quasi mai davanti alla giustizia per i loro errori.

Milioni di balle e, soprattutto, di chiacchiere a vuoto. Perché alla fine rimangono solo pochi spiccioli in fondo al pozzo…

(Visitato in totale 11 volte, oggi 1 visite)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.