Messaggio di fine anno

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Quest’anno vanno di moda i “messaggi di fine anno”. Lo ha fatto il bi-sindaco di Siena e Monteriggioni, Valentini, lo farà a breve Beppe Grillo e stasera ci sorbiremo anche, forse non a reti unificate (sbaglio o Mediaset si è rifiutata ?) il messaggio di “Re Giorgio“.

A questo punto mi sento automaticamente legittimato a “trasmettere”, sul mio blog personale, il mio “messaggio di fine anno”: cosa volere di più per concludere in bellezza questo disastrato 2013 ?

Il 2013 è stato l’anno del MoVimento 5 Stelle, a Siena come a Roma.

Con l’incredibile successo del MoVimento alle Elezioni Politiche di febbraio, che ha stravolto lo scenario politico italiano, si è aperta una nuova stagione per il Paese.

Mi spiace per coloro che credevano che il MoVimento 5 Stelle si sarebbe fatto “fagocitare” dalla “casta” italica. Mi dispiace anche per coloro che si illudevano di stravolgere il paese in pochi giorni e che si sono, troppo precocemente, pentiti del loro voto al M5S.

Anche a Siena è stato l’anno del M5S: siamo l’unica forza politica “new entry”, anche come persone (io e Mauro Aurigi), entrata al Comune di Siena. Dopo il tentativo, fallito, del 2011, finalmente il 2013 ha regalato un timido raggio di sole anche per Siena, che si avvia verso l’atto finale della sua Banca, il Monte dei Paschi.

Non so cosa ci riserverà il 2014.

Non credo, nel mio inguaribile pessimismo (o realismo ?) che vi sarà alcuna ripresa. Non per Siena, che tra qualche mese scoprirà -amaramente- se la sua Banca finirà in mano allo Stato (nazionalizzazione, ma il Ministro Saccomanni sembra non volerla…) o in bocca a qualche pescecane, magari estero, gradito alla casta politica, che farà l’affare per poi pagare pegno (rimborsare i Monti Bond, tanto per iniziare). Chissà cosa succederà.

Ancora il freddo, quello vero, il gelo, non è arrivato. Il 2013 sarà ricordato, in molti paesi e zone d’Italia, come l’anno delle alluvioni. Bene lo ricorderanno i cittadini di Buonconvento che, il 21 ottobre, hanno visto l’Ombrone esondare ed invadere il centro storico del paese. E si ricorderanno di come, pochi giorni prima, avevano ricevuto dal Governatore Rossi le lettere in merito alle elezioni dei Consorzi di Bonifica: tempismo perfetto !

Il 2013 sarà ricordato anche dai cittadini di Monteriggioni che, dopo aver eletto il Sindaco (Valentini, appunto), se lo sono visto beffardamente sostituire da sotto il naso con il loro vicesindaco (non eletto ma nominato) perché il Valentini ha preferito cambiare poltrona, facendosi eleggere Sindaco di Siena. Sfruttando una falla del TUEL, subito oggetto di ricorso, che però il giudice Stefano Caramellino ha dichiarato legittima. Forza Sindaci rampanti, che aspettate a cambiare poltrona ?

Anno di cambiamenti, anche per la “gloriosa” Fondazione MPS, che ha visto finalmente il ragionere più pagato d’Italia (forse no, ma sicuramente uno dei più pagati…) , Gabriello Mancini, lasciare la poltrona del disastrato Ente senese alla giovane e capace industriale di Confindustria, Antonella Mansi. Peccato, è ormai un po’ tardi: le stalle sono tristemente vuote, i buoi (con i sacchi di denaro) sono scappati e ben 12 banche, come avvoltoi, aspettano il “cadavere” dello 0,128€ ad azione…

Il 2013 sarà anche ricordato dai Dipendenti del Comune di Siena come l’anno in cui sono stati “messi in mora per aver lavorato“, a seguito dell’ispezione del Dott. Cimbolini del MEF sui conti dell’Amministrazione Comunale di Siena. Il Sindaco vi augura comunque un buon natale. Amen.

Sarà anche ricordato come l’anno delle esternalizzazioni per svariate centinaia di dipendenti MPS, della cassa integrazione per 50 dipendenti della Rimor e molte altre piccole e medie aziende in difficoltà, strangolate da una pressione fiscale altissima e da un inevitabile calo dei consumi.

Mi ero illuso, lo ammetto, che una volta in Consiglio Comunale avrei potuto fare qualcosa. Si, qualcosa certamente posso farlo e l’ho fatto, come ottenere una sensibilizzazione dell’Amministrazione Comunale nei confronti della piaga delle Slot Machines. Oppure aver “provocato” una reazione sulla nomina del nuovo Comandante della Polizia Municipale ed aver scatenato qualche attimo di panico dopo aver rivelato l’esistenza di una sentenza della Corte dei Conti ligure in merito al mancato raggiungimento della quota di Raccolta differenziata, con conseguente condanna degli amministratori a risarcire il danno.

Continuerò su questa strada, la via del “rompipalle democratico” (come dal Blog di Andrea Scanzi): “colui che fa opposizione e non concede sconti. Colui che si sbatte e non fa assenze perché le regole vengano rispettate. È un ruolo tanto nobile quanto rischioso: si rischia di divenire bastiancontrari a prescindere. Lo so. Si rischia il duropurismo spuntato, post-pannelliano e pseudo-massimalista. Ma è un ruolo sacro in una democrazia.”

Buon anno nuovo, Siena. Buon anno nuovo, Italia.

Michele Pinassi, orgoglioso consigliere portavoce comunale MoVimento Siena 5 Stelle

Nella foto: tre aironi bianchi spiccano il volo – Padule di Rosia (Siena)

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: