Chi odia paga: la piattaforma legaltech contro l’hate speech

C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.”
Henry Ford

L’odio in rete, l’hate speech, favorito dalla percezione –errata– dell’anonimato, è forse una delle fenomenologie più odiose presenti oggi in Rete e soprattutto sui social. Niente di nuovo, poiché ciò che accade sui social altro non è che lo specchio della società. Solamente che, mentre le invettive lanciate dal bancone del bar rimangono –appunto– al bar, quelle scritte su Twitter o su Facebook rimangono e sono visibili a un pubblico molto più ampio.

Molto spesso gli insulti si concretizzano in reato, come la diffamazione a mezzo stampa (i social network sono considerati al pari di un mezzo di informazione classico). La cronaca degli ultimi anni è piena di azioni legali mosse da personaggi politici nei confronti degli haters che via web ne hanno offeso il prestigio e l’onore, andando ben oltre il diritto di critica.

Tuttavia, nella giungla di leggi e sentenze, talvolta è difficile capire se una situazione è diffamante oppure no. Ed è difficile, nel caso si fosse vittime di questo odioso reato, capire come muoversi. Per questo scopo è nato Chi Odia Paga, la “prima piattaforma legaltech italiana che ti fornisce gli strumenti per difenderti in modo semplice, veloce e sicuro dalle forme d’odio che, partendo dalla vita reale, hanno invaso il web.

Il portale offre un comodo questionario a cui rispondere per capire se siamo stati vittima di diffamazione (o altre fattispecie di reato) oppure no. Nel caso vi siano gli estremi per la denuncia, il servizio offre supporto e consulenza anche per la raccolta delle prove: uno degli aspetti più difficili e delicati. È bene infatti ricordare che la stampa della schermata o lo “screenshot” non ha sempre valore legale ed è bene, per tutelarsi al meglio, rivolgersi a un legale che abbia la necessaria conoscenza del contesto.

È esattamente questo il contesto in cui si muove il legaltech, la nuova forma di supporto legale legata agli ambiti informatici, che richiede competenze trasversali che vanno dall’ambito sistemistico a quello forense a quello prettamente giurisprudenziale. Un ambito, il legaltech, destinato anche in Italia ad avere una forte espansione negli anni a venire, conseguente la sempre maggior diffusione della tecnologia nelle nostre vite.

Grazie alle più moderne tecnologie d’intelligenza artificiale, attuate attraverso i c.d. “chatbot“, sarà possibile automatizzare alcuni processi e ridurre i costi delle consulenze legali per renderle più accessibili a tutti i cittadini vittime di reati: anche il mestiere di avvocato, come molti altri, è destinato a mutare rapidamente. Ci stiamo avvicinando, sempre più velocemente, al momento in cui anche le consulenze legali saranno quasi totalmente automatizzate e chissà che un giorno, forse neanche così lontano, anche il ruolo di giudice sarà sostituito da una AI in grado di esprimere una sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.