Alluvione in Sardegna, quando perseverare è diabolico

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Inizio subito con il dire che sono pienamente solidale con gli amici sardi, che si sono visti piombare addosso una catastrofe di proporzioni bibliche, amplificata da una gestione dissennata del territorio, irrispettosa dei vincoli idrogeologici e della normale conformazione del terreno: la Sardegna, complice la sua bellezza naturale, è riserva di caccia per i ricchi imprenditori e politici italiani e stranieri, oltre che di palazzinari senza scrupoli ed amministrazioni colluse.

Tanto a pagare, come al solito, sono sempre i soliti. E noi italiani non impariamo mai.

Non impariamo, ad esempio, che se nessuno in passato ha costruito in valle…forse un motivo c’era !

Non impariamo che i letti dei fiumi vanno rispettati e vanno previste opportune casse di espansione, per prevenire eventuali esondazioni.

Non impariamo che fiumi e torrenti devono essere adeguatamente puliti e mantenuti, altrimenti il problema si amplifica perché rami e sterpaglie ostruiscono le normali vie di scorrimento delle acque.

Non impariamo che tra mille entità che dovrebbero fare la manutenzione dei costi d’acqua (provincia, enti di bonifica…), alla fine non c’è mai nessun responsabile…

Non impariamo che questa classe politica è la prima responsabile di questi disastri, provocati dall’incuria, dalla spregiudicatezza, dalla fame di denaro e potere.

Non impariamo che quelle persone alla tv, disperate, che hanno perso tutto, non scompaiono spegnendo quella “scatola infame”. E quello che oggi succede a loro, domani può succedere anche a noi.

Non impariamo dai nostri errori: la natura ci dimostra, ogni volta, quanto siamo piccoli ed insignificanti. Smettiamo di sfidarla, perché perseverare è diabolico.

Ah, anche io non donerò 2 euro via SMS. Il perché lo trovate qui.

[testimonial name=”” site=”Repubblica.it” url=”http://www.repubblica.it/cronaca/2013/11/20/news/olbia_la_citt_trasformata_in_un_fiume_la_pioggia_non_giustifica_tanta_distruzione-71419347/?ref=fbpr“] È l’acqua del canale a fianco, “sempre sporco, sempre intasato”, si è portata via la merce dei primi due scaffali, quella sopra è rimasta a vista. […] Anche in una piccola città senza crisi abitative la periferia porta il segno della sregolatezza urbanistica, dell’asfalto di troppo, delle strade costrette, dei palazzi irregolari, delle concessioni affrettate.[/testimonial]

[testimonial name=”Anthony W. Muroni” site=”Tze Tze” url=”http://www.tzetze.it/redazione/2013/11/sardegna_scandalo_in_rai_diffondiamo/index.html“]”Mezz’ora fa ho registrato un intervento per il Tg2, nel quale ripetevo i concetti già espressi a Uno Mattina: serve solidarietà, servono interventi, servono aiuti, serve combattere l’emergenza, Ma serve anche interrogarsi sul perché i ponti crollano, sul perché i cantieri per la messa in sicurezza dei fiumi si bloccano per anni a causa di contenziosi tra Comuni e imprese appaltatrici.” [/testimonial]

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: