Riciclare le capsule di caffè

La capsula dentro la confezione

Nel nostro ufficio, come in gran parte degli altri uffici e delle case, ormai la macchina da caffè è fornita in “comodato d’uso gratuito” a fronte dell’acquisto di una certa quantità di capsule di caffè. Spesso le scatole sono di 80-100 capsule: ognuna di queste capsule consente di fare un caffè e poi deve essere gettata. Insomma, da un punto di vista ambientale…un disastro ! Già poter fare la raccolta differenziata consentirebbe di migliorare l’impatto ambientale ma in ufficio non sempre ci sono simili accortezze.

Strumenti utilizzati

Così, riflettendo su questi aspetti, l’altro giorno –dopo aver preso il caffè– mi sono messo a guardare da vicino una di queste capsule: sono dei barilotti di plastica bianca, con fori sopra e sotto e la polvere di caffè all’interno.

Ho deciso così di provare ad aprirne una, anche solo per vedere come sono fatte. Servendomi di un taglierino per incidere il bordo termosaldato e di un cacciavite piatto, sono così riuscito, abbastanza facilmente, ad aprire la capsula.

Don’t try this at home ! Non mi assumo alcuna responsabilità in caso di ferite o mutilazioni dovute all’uso degli strumenti indicati.

Apertura della capsula

Le due parti della capsula, il coperchio ed il contenitore, sono ad incastro ed il bordo è termosaldato. Se riuscite ad aprirle senza danneggiarle troppo, le capsule si richiudono tranquillamente senza problemi.

All’interno…caffè !

All’interno della capsula c’è semplicissima polvere di caffè, che con l’aiuto del cacciavite ho agevolmente rimosso. Sul fondo, in corrispondenza della grata di uscita, c’è della carta filtro che permette di ottenere la giusta pressione e quindi avere un caffè non troppo acquoso.

Dopo aver rimosso il caffè e la carta filtro, sono andato in bagno a lavare per bene le due parti della capsula.

Capsula…come nuova!

A questo punto è il momento del test ! Prendo del caffè solubile in grani (detto anche “nescafè“) e riempio la capsula, chiudendo le due parti. Vado alla macchinetta, inserisco la capsula, metto la tazzina da caffè sotto l’ugello ed inizio a erogare. Il risultato ? Un bel caffè solubile caldo 🙂

ESPERIMENTO RIUSCITO !

Le capsule, con un po’ di manualità, sono riciclabili all’infinito.

Ovviamente non credo che l’azienda che vi fornisce il caffè sia particolarmente contenta di ciò pertanto vi suggerisco di NON farlo poiché potete danneggiare la macchina da caffè e/o invalidarne la garanzia.

Se poi, non seguendo le mie avvertenze, anche voi siete decisi a provare, raccontatemi com’è andata !

(Visitato in totale 9 volte, oggi 1 visite)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.