La solitudine dei social networks

fb-631x4193Non inventiamoci balle: dei 1265 amici che abbiamo su Facebook neanche ne conosciamo il 20%. Molti di essi, poi, neanche vivono nella nostra città ed abbiamo accettato la loro “richiesta di amicizia” solo perché ci incuriosiva l’avatar o perché avevamo 12 “amici in comune“.

Di coloro che effettivamente vediamo in giro, nel mondo reale, magari salutiamo appena il 5%: gli altri sono facce note, si, ma da qui a dirsi amici…

Su Facebook mettiamo parte della nostra vita. E ci piace, perché in fondo tutti noi adoriamo farci ammirare. Così postiamo la foto della torta che abbiamo preparato, della vacanza al mare, del figlio/figlia, dell’animaletto domestico…nella speranza che qualcuno dica “Mi piace !” o commenti, non importa come.

I social network sono andati oltre i 15 minuti di celebrità garantiti da Andy Warhold: sono una vetrina che gira, continuamente. Dove un post perde interesse dopo pochi minuti (scorre sotto nella timeline…) e diventa introvabile se non è interessante. E allora ecco la necessità di ricercare cose interessanti, scatti imbarazzanti, divertenti, commoventi.

Su Facebook, ma solo perché è il più famoso poiché potrei citarne anche altri, come Google+, si trova dalla polemica razzista o politica all’immagine sacra, passando per una miriade di foto che ci ritraggono durante la quotidianità.

C’è chi usa Facebook come una vetrina, chi per restare in contatto con amici e parenti, chi per colmare un grandissimo vuoto relazionale provocato dalla società moderna, dove non c’è spazio per le vere relazioni umani: troppo pericolose, non sai mai chi può capitarti !

Però condividiamo in rete informazioni di cui forse non parleremmo con sconosciuti, anche se di fatto lo facciamo. Mettiamo le foto di nostro figlio quando abbiamo, magari, paura a farlo scendere nel giardino condominiale perché “in giro c’è brutta gente“. Scriviamo commenti o pareri di cui non parleremmo mai a tavola con amici e parenti, ma non disdegniamo di raccogliere a tal proposito decine di commenti da emeriti sconosciuti.

Che sia chiaro, a tutti: i social network sono siti web (o portali, come va di moda chiamarli adesso…) commerciali: il prodotto da vendere sei TU !

(Visitato in totale 1 volte, oggi 1 visite)
10 comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.