Arriva NETFLIX

Non amo la TV, è cosa nota, e non la guardo. Odio il cicalio delle trasmissioni trash televisive o le finte litigate con annessa clack dei programmi “politici”, che contribuiscono a mantenere in vita improbabili personaggi che in un paese normale non sarebbero impiegati neppure per sbarbare le cipolle nell’orto ma che in Italia, purtroppo, sono deputati alla gestione dello Stato e dei suoi servizi.

Comunque, trash-TV a parte, mi piace guardare i film e se a Siena ci fossero cinema degni di questo nome, forse frequenterei più spesso le sale cinematografiche che, al momento, sono dignitose solo a Poggibonsi e Sinalunga.

Fortunatamente per noi oggi è arrivato anche in Italia il servizio di Netflix, già un colosso dei film in streaming negli USA e finalmente approdato anche nel belpaese con prezzi ed offerte decisamente interessanti.

Inizio subito con il sottolineare che il primo mese, per chi va sul sito Netflix.com, è gratuito. Ovviamente deve essere effettuata la registrazione, indicando anche l’eventuale piano di abbonamento desiderato (a partire da 7,99€ al mese senza HD, 9,99€ mensile per l’HD e visione contemporanea su due schermi), ed il metodo di pagamento, attualmente a scelta tra Carta di Credito o PayPal.

Una volta effettuati questi passaggi, con la promessa che si può disdire senza costi aggiuntivi in qualunque momento l’abbonamento, si accede all’interfaccia principale dove si può scegliere la serie TV o il film da guardare.

Viene data ovviamente particolare enfasi alla funzionalità di personalizzazione dell’esperienza visiva, chiedendo preventivamente quali sono stati i film piaciuti per poter personalizzare la proposta da parte di Netflix.

Così, da una non troppo performante ADSL casalinga a cui sono agganciato con il mio notebook via WiFi, sono pronto a provare la mia prima esperienza di film in streaming via Netflix (l’abbonamento da diritto alla visione illimitata dei contenuti, senza oneri aggiuntivi). Il primo tentativo fallisce miseramente con l’errore “This webpage has a redirect loop“.

A quanto pare, dopo aver effettuato ulteriori prove, su sistema operativo GNU/Linux e browser Chromium, il player di Netflix non funziona. Per riuscire ad usufruire del servizio su tale piattaforma bisogna installare ed usare Google Chrome (da qui)

Non mi scoraggio, così afferro il mio smartphone con Android e servizio LTE 4G per installare l’app di Netflix e tentare nuovamente. Pochi secondi dopo, effettuato l’accesso al servizio e comunicato a Netflix chi vuole guardare un film, provo nuovamente: perfetto, funziona perfettamente. Video fluido, in HD (se pur nel piccolo schermo da 4″ del Samsung A3), perfettamente godibile: a 9,99€ mensili per film in HD illimitati e on-demand, Netflix si prepara a fare concorrenza al ben più caro Sky ed a tutti gli altri servizi attualmente esistenti di pay-tv.

Ovviamente per chi desidera vederne i contenuti sulla TV, deve avere una smart TV compatibile con Netflix o un dispositivo tipo Android TV che si può acquistare anche on-line per poche decine di euro, ad esempio Take now-Amlogic S805, ed un collegamento alla Rete sufficientemente veloce, anche una ADSL o un collegamento LTE usando, ad esempio, un router GPRS come lo ZTE MF90 di cui ho parlato pochi giorni fa.

Anche con la Google Chromecast
Volendo si può anche usare la Google Chromecast che però comporta l’utilizzo di uno smartphone/PC per poter visualizzare i contenuti sulla TV: la soluzione che suggerisco è usare un box Google TV con Android da collegare alla presa HDMI ed alla rete via WiFI.

Comunque, in un Paese con una larghezza di banda tra le più misere di Europa, sarà una vera sfida sul lato tecnologico e infrastrutturale. E staremo a vedere come risponderà il mercato. Per il momento, almeno personalmente, Netflix mi convince.

Aggiornamento di domenica 25/10

Dopo 3 giorni di prova devo dire che sono rimasto stupito dalla quantità di materiale interessante nel catalogo di NetFlix: centinaia di film da produttori indipendenti, documentari, film non recenti ormai quasi introvabili… ed in più, sono tutti in lingua originale e la possibilità di attivare i sottotitoli in italiano, per esercitarsi con l’inglese o le altre lingue straniere (ci sono anche film in spagnolo). La qualità e fluidità dello streaming sono eccellenti anche su dispositivi Android non proprio recentissimi, come il mio Galaxy TAB 2.

 

(Visitato in totale 1 volte, oggi 1 visite)
2 comments
  1. Sottolineando che l’articolo è veramente esplicativo ed interessante, vorrei chiederti qual è il
    miglior operatore di ADSL a Siena per avere la giusta connessione per vedere Netflix.
    Infatti, con la 4G i Giga di traffico dati sono limitati e finiscono subito.
    Grazie mille

    1. Ovviamente per Netflix è quasi indispensabile avere un profilo dati flat illimitato, anche perchè il consumo dei dati è notevole. Personalmente ho una ADSL TerreCablate ma credo che qualsiasi operatore ADSL offra un servizio più che sufficiente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.