Equo compenso, ovvero la tangente legalizzata alla SIAE

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

In questo Paese di ignoranti digitali, ancora vergognosamente in coda alle classifiche europee per l’utilizzo di Internet e con intere zone costrette a subire un digital-divide peggiore che nel terzo mondo, certo non poteva mancare la conferma, ad opera di un Ministro alla Cultura, delle “tariffe che i produttori di dispositivi tecnologici dovranno corrispondere agli autori e agli artisti per la concessione della riproduzione a uso personale di opere musicali e audiovisive. In particolare sale a 4 euro la quota per smartphone e tablet da 16 Gb, a 0,36 euro quella per le memory card con 4 gb di capacità e a 0,20 euro per i dvd” (Copia privata, Franceschini firma decreto aggiorna quote: “Non è tassa su telefonini”).

Praticamente è come se i produttori di automobili dovessero corrispondere allo Stato una percentuale “equa” per eventuali infrazioni che gli automobilisti potrebbero commettere con le loro auto, o come se i produttori di coltelli, cacciaviti e chiavi dovessero essere “tassati” per eventuali rapine o furti commessi con tali strumenti.

IDIOZIA DI STATO.

Non c’è altro altro modo per definire una tale iniziativa e sconvolge, sinceramente, che ancora nel 2014 un Ministro non sia capace di capire che gli Italiani possono acquistare direttamente all’estero, andando bellamente “in tasca” a questa legge idiota, tramite strumenti di acquisti on-line come eBay o Amazon. Oppure, come faccio io da anni, puntare direttamente al mercato dell’usato, con buona pace dei nostri commercianti e produttori.

Del resto, da un popolo digitalmente ignorante non potevamo che sperare in un ministro così…

Nella foto: Samsung Galaxy S4 mini, che sarà soggetto ad una quota di 4€ di “equo compenso” alla SIAE

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

15 Risposte

  1. 18/07/2014

    […] mi ripeterò per quanto ho già detto precedentemente su questa gabella, compreso l’aggiornamento delle tariffe a firma dell’attuale Ministro […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: