Electolux sarà solo la prima ?

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

E così partì l’incubo del ricatto salariale su scala aziendale.

Il caso Electrolux, grande gruppo industriale svedese di elettrodomestici, rischia di essere solamente uno dei primi a bussare per svegliarci dal sogno dell’italietta felice per riportarci, tragicamente, nella realtà odierna.

Del resto, dalla potenza industriale che eravamo, siamo tragicamente scivolati, in pochi decenni, ai livelli dell’est Europa. Ed anche le aziende, per rimanere, chiedono di adeguarsi.

Mercato fermo, potere d’acquisto basso, tassazione alle stelle e burocrazia soffocante. Che si può volere di più ?

L’Italia è bloccata, in stallo, da almeno 5 anni. E tutto questo ha un costo, e che non mi vengano a dire che “è la crisi“.

Questo è lo scotto di aver eletto una classe politica palesemente incapace, inadatta, avida di soldi e potere. Come un moloch, hanno distrutto l’Italia ed ora vorrebbero fare la parte dei salvatori, tra manovre finanziare, decreti legge e spending review.

f68.png_1526371997

Siamo un paese con il costo della vita pari alla Germania, se non di più, ma con i redditi più bassi d’Europa.

Può funzionare ? No, non può.

E così le prime ad adeguarsi sono proprio le grandi aziende, che prima con il precariato, contratti CO.CO.CO, CO.CO.PRO, apprendistato, libero professionista etc etc etc hanno reso la generazione dei giovani dei perfetti “schiavi moderni”. Ma oggi non basta più: troppo alta la pressione fiscale e troppo basse le vendite. E così si deve scegliere: tagliare o lasciare ?

La Grecia non è poi così lontana come vogliamo credere…

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: