Aliquote TASI: che pasticcio !!!

Questa mattina, in commissione Affari Generali del Comune di Siena, abbiamo discusso una delibera per correggere le aliquote TASI deliberate in data 22.05.2014.

Infatti, a seguito della circolare del Ministero delle Finanze n. 2/DF del 29.07.2014, si chiarisce come la somma complessiva delle aliquote TASI ed IMU:

non può superare l’aliquota massima consentita dalla legge statale per l’IMU al 31 dicembre 2013, fissata al 10,6 per mille ed altre minori aliquote, in relazione alle diverse tipologie di immobile

e che:

nell’aliquota TASI massima per il 2014 che non può eccedere il 2,5 per mille

Il Comune di Siena, così come molti altri comuni italiani, avvalendosi della maggiorazione del 0,8 per mille, non ha ben considerato questi limiti ed ha deliberato (con il mio voto contrario) delle aliquote TASI:

  • Aliquota ordinaria: 0,6 per mille
  • Aliquota per “abitazione principale” comprese le pertinenze: 3,1 per mille
  • Aliquota per “fabbricati rurali strumentali”: 1 per mille

relativamente alle aliquote IMU deliberate il 28.11.2013:

  • Aliquota di base: 10,6 per mille
  • Abitazione principale e le relative pertinenze, ove soggette ad IMU (A/1,A/8 e A/9): 0,6 per mille

che, come ben si vede per l’abitazione principale, supera il massimo consentito dalle norme contenute all’art. 1 comma 688 della legge 147 del 27.12.2013. Per questo motivo, riconosciuto l’errore (che è stato giustificato con “è successo in molti altri comuni”…), l’Amministrazione di Siena è corsa ai riparti con una delibera correttiva all’ODG del Consiglio Comunale del 04.09.2014: è infatti necessario provvedere alle correzioni entro il 10 settembre, pena l’abbassamento delle aliquote all’1 per mille, che porterebbe un mancato introito -per le casse comunali- di svariati milioni di euro.

Pertanto, onde evitare situazioni catastrofiche per le già disastrate casse comunali senesi, le nuove aliquote TASI in discussione sono:

  • Aliquota ordinaria: 0,6 per mille (+IMU del 10,6 per mille)
  • Abitazione principale diversa da quella classificata A/1,A/8 e A/9: 2,7 per mille (esente IMU)
  • Abitazione principale A/1,A/8 e A/9: 0,6 per mille (+IMU del 6 per mille)
  • Fabbricati rurali strumentali: 1 per mille

Già l’abbassamento di 4 punti per mille della aliquota relativa alle prime case non di lusso (non appartenenti alle categorie catastali A/1,A/8 e A/9) porterà una riduzione delle entrate di circa 1.200.000€, comunque coperti dall’aumento dei trasferimenti statali grazie al fondo di riequilibrio straordinario.

Per concludere, in molti mi chiedono per cosa si paga la TASI: acronimo di “TAssa Servizi Indivisibili”, ai comuni è demandato di identificare e quantificarne i costi. Per quanto riguarda l’Amministrazione di Siena, la TASI (per un ammontare complessivo di oltre 10.000.000€) viene pagata per:

Servizio Importo
Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 200.000€
Segreteria generale, personale, organizzazione 200.000€
Gestione economica, finanziaria, provveditorato e controllo di gestione 200.000€
Gestione dei beni demaniali e patrimoniali 900.000€
Ufficio tecnico 800.000€
Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e servizio statistico 500.000€
Altri servizi generali 300.000€
Polizia Municipale 800.000€
Scuola Materna 500.000€
Istruzione Elementare 200.000€
Istruzione Media 100.000€
Assistenza scolastica, trasporto, refezione e altri servizi 1.000.000€
Viabilità, Circolazione stradale e servizi connessi 250.000€
Illuminazione pubblica e servizi connessi 1.008.759,72€
Trasporti pubblici locali e servizi connessi 2.000.000€
Urbanistica e gestione del territorio 500.000€
Servizio di protezione civile 200.000€
Parchi e servizi per la tutela ambientale del verde, altri servizi relativi al territorio ed all’ambiente 500.000€
TOTALE 10.158.759,72€

0 Condivisioni
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.