Pasqua in Basilicata

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Anche quest’anno sono andato in Basilicata per i pochi giorni di relax Pasquali. Se non fosse per i 615Km di autostrada andrei in Basilicata molto più spesso perchè penso che sia davvero una splendida regione. In particolare rimango sempre sorpreso dalla quantità e varietà di colori in ogni stagione dell’anno. A primavera, in questo periodo, una infinita palette di colori verde, rosa, bianco predomina nelle valli lucane, incastionate nel bianco, marrone e grigio dei monti circostanti. Insomma, come dirrebbero gli inglesi, absolute stunning !

Tralasciando le libagioni pasquali, con prelibatezze di ogni genere (a partire dalla fucazzola, un pane a forma di ciambella assolutamente delizioso !), passiamo alla scampagnata di pasquetta.

Quest’anno ho convinto moglie e suoceri ad andare a Matera, fermandosi a visitare Craco (che rimane proprio sulla strada) e ne è davvero valsa la pena !

Craco è un paese fantasma, abbandonato dopo una frana nel 1963 e divenuto, per questa sua particolarità, set cinematografico di alcuni film. In più si trova sulla sommità di un alto colle da cui si domina tutto il panorama circostante…ed è davvero bellissimo !!!

Dopo la visita di Craco siamo andati a Matera, che dista circa 50Km, per visitare gli omonimi Sassi di Matera, sempre bellissimi ed affascinanti. In più questa volta siamo stati anche a visitare il Parco della Murgia materana, che si trova al di là della gravina (il crepaccio) nelle cui pendici sorge la città. In questo parco si possono visitare le abitazioni preistoriche e godersi panorami assolutamente mozzafiato: certo che Pasolini aveva scelto queste zone per il set del suo fil “Il vangelo secondo Matteo” !!!

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: