Lo strazio delle Cave di marmo nella Montagnola Senese

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Passeggiare lungo i sentieri e le strade della Montagnola Senese, tra castelli ed agglomerati medievali, fattorie e insediamenti rurali di magnifica bellezza, certe volte può portare alla sgradevole vista delle “ferite” inferte dall’estrazione della graniglia per le strade (“inerti”) e del pregiato marmo giallo (poco).

Sembra incredibile ma in mezzo a tanta bellezza c’è anche chi, con ruspe, benne e tritolo, è ben deciso a distruggere queste rigogliose colline per il profitto privato, irreparabilmente.

Qualche giorno fa, in occasione di una mia gita sulla Montagnola Senese, lato di Casole d’Elsa, al termine di una strada in mezzo alla macchia mediterranea mi sono trovato davanti a questo triste spettacolo…

Ditemi voi se questo scempio è giustificabile, in un luogo così:

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: