Display LCD TFT per Raspberry Pi da 2.4″

“1° assioma della comunicazione: non si può non comunicare”

Ho acquistato su Aliexpress, per meno di 10€ spedizione inclusa, un display LCD TFT da 2,4″ con touchscreen incluso con connettore per Raspberry Pi.

Arrivato dopo circa 30 giorni, ho apprezzato le dimensioni compatte e perfettamente aderenti al “famoso” connettore 40pin del Raspberry Pi (Designed for Raspberry Pi A+,Compatible with Raspberry Pi 3 module B/B+) , comprese le asole laterali per l’eventuale viteria. La documentazione tecnica completa del Raspberry Pi 2.4inch LCD è disponibile direttamente sul sito web del costruttore, dove c’è anche la mappa del connettore:

PIN NO. SYMBOL DESCRIPTION
1, 17 3.3V Power positive (3.3V power input)
2, 4 5V Power positive (5V power input)
3, 5, 7, 8, 10, 22 NC NC
6, 9, 14, 20, 25 GND Ground
11 TP_IRQ Touch Panel interrupt, low level while the Touch Panel detects touching
12 KEY1 Key
13 RST Reset
15 LCD_RS LCD instruction control, Instruction/Data Register selection
16 KEY2 Key
18 KEY3 Key
19 LCD_SI / TP_SI SPI data input of LCD/Touch Panel
21 TP_SO SPI data output of Touch Panel
23 LCD_SCK / TP_SCK SPI clock of LCD/Touch Panel
24 LCD_CS LCD chip selection, low active
26 TP_CS Touch Panel chip selection, low active

NB: i tre pulsanti a lato sono direttamente connessi ai pin 12,16 e 18.

Come si vede, il display è connesso al bus SPI (Serial Peripheral Interface bus) del RPi: è quindi necessario abilitare tale periferica con raspi-config:

sudo raspi-config

e dal menù Peripherals, abilitare SPI. E’ poi necessario installare e configurare il driver per il display, altrimenti rimarrà tutto bianco. Come prima cosa, si scarica il pacchetto LCD-show.tar.gz e una volta scompattato, lanciare lo script relativo al display:

tar xvf LCD-show.tar.gz
cd LCD-show/
sudo ./LCD32-show

A questo punto il RPi si riavvierà e, dopo pochi istanti se tutto è andato a buon fine, il display mostrerà il tradizionale log di boot (come nella foto di copertina).

Un po’ più complicato far funzionare il display su X, poiché è necessario compilare ed installare il driver fbturbo (xorg-x11-drv-fbturbo), come indicato a questa pagina web: https://linux-sunxi.org/Xorg. Bisogna poi configurare X per gestire il framebuffer ed il touchscreen, seguendo le istruzioni che trovate qui: https://learn.adafruit.com/adafruit-pitft-28-inch-resistive-touchscreen-display-raspberry-pi/extras

Per emulare il terzo pulsante del mouse, aggiungere queste righe all’interno dell’ InputClass dentro il file /etc/X11/xorg.conf.d/99-calibration.conf:

Section "InputClass"
Identifier      "calibration"
MatchProduct    "stmpe-ts"
Option  "Calibration"   "3800 120 200 3900"
Option  "SwapAxes"      "1"
Option "EmulateThirdButton" "1"
Option "EmulateThirdButtonTimeout" "750"
Option "EmulateThirdButtonMoveThreshold" "30"
EndSection

Ammetto che quest’ultima parte mi ha impegnato per svariate ore, incluso il download dei pacchetti necessari per la compilazione del driver video.

A questo punto, se tutto è andato a buon fine, dovreste avere una piccola ma completa linuxbox, con tanto di display touchscreen. Volendo è possibile utilizzare una tastiera virtuale, sotto X, seguendo le istruzioni che trovate qui: http://spotpear.com/learn/EN/raspberry-pi/Raspberry-Pi-LCD/Soft_Virtual-keyboard.html

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: