La crisi economica è una scusa

Proprio adesso sento una voce fuori campo, mentre guardo Ballarò, che dice: “i mercati hanno paura…”. Ma chi sono i mercati ? Chi controlla l’economia ? Verrebbe da dire: le banche ! Bene, e le banche hanno paura ? Proprio le banche, che hanno “in pancia” tutti i soldi dei cittadini e controllano il mercato ?

Inizio a pensare che la crisi sia una grande scusa, una colossale scusa necessaria alla politica, a questa politica, che rischia seriamente di scatenare una rivolta sociale senza precedenti.

La crisi in TV: “c’è crisi”, “aria di crisi”, “spread”, “sacrifici”. Adesso siamo disposti ad accettare di tutto in nome della “crisi”. Noi, cittadini normali, VITTIME di questo sistema politico-economico incomprensibile, misterioso, chiuso.

Berlusconi ha rassegnato le dimissioni (e chissà quanto ci costeranno queste dimissioni…) ed è arrivato Monti, l’ennesimo uomo della provvidenza, economista, tecnico della Goldman Sachs.

E si parla di “azioni forti”, “impopolari”, “lacrime e sangue”. Azioni che solo un governo non eletto, che non ha da rendere conto all’elettorato, può permettersi di fare.

Ma, paradossalmente, in questo momento l’Italia ha rinunciato alla democrazia in nome del mercato. Un governo che non è stato eletto dalla popolazione non è legittimato, in un contesto democratico, per definizione. Un governo, Monti, scelto da una classe politica che non ha perso tempo a defilarsi velocemente: perchè ? La risposta è banale.

Dove ci porterà tutto questo ? Beh, secondo me Monti attuerà tutta una serie di misure fiscali molto pesanti, dalla reintroduzione dell’ICI (o analoga tassa) sulla prima casa,tassazione delle rendite finanziarie (i BOT del pensionato che ha 10.000€ da parte), forte ridimensionamento delle politiche di tutela del lavoro e molto altro di difficile da digerire.

Ma la politica ? Beh, i politici adesso si nascondono alle spalle di Monti, applaudendo o fischiando ad ogni sua scoreggia, ma tutti con gran fiducia e con responsabilità.

Ma appena l’Italia sarà uscita dalla crisi, e lo decideranno i mercati, ovvero le banche, ecco che torneranno prepotenti come prima i politici trasformisti, da Casini a Bossi. E non si esclude un ritorno in grande stile del Cavaliere, corroborato da mesi di indisturbato bunga-bunga lontano dai gravosi impegni della politica.

Ah, ovviamente la crisi non toccherà lor signori: inutile sperarci ! Si trincereranno dietro: “il problema non sono certo i vitalizi…è l’evasione !”, “i privilegi sono il premio del nostro lavoro…” e supercazzole simili.

Tomasi di Lampedusa aveva visto lontano, in una famosa ed inflazionata citazione da Il gattoparto: «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi.»

E questa volta la situazione rischia di precipitare perchè cambieranno tante, troppe cose.

(Visitato in totale 1 volte, oggi 1 visite)
1 comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.