Consiglio comunale del 18.07.2013

Appuntamento con Mauro Aurigi alle 08:30 fuori da Palazzo Pubblico, per un caffé e 4 chiacchere pre-consiglio. Lo aggiorno delle ultime novità emerse nel corso della riunione dei Capigruppo del giorno prima, dove era assente il PD (il partito di maggioranza…).

Oggi, in contemporanea con l’assemblea MPS che decreterà l’abolizione del tetto della quota del 4% per i soci privati (rendendo quindi la banca senese “scalabile”), si parlerà di (dal sito web del Comune di Siena):

BIBLIOTECA COMUNALE DEGLI INTRONATI

Approvati una serie di atti relativi alla Biblioteca Comunale degli Intronati per i quali la gestione commissariale non aveva provveduto. Nel particolare, le variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 e le variazioni per suo assestamento, caratterizzate, principalmente, da riduzioni di spesa, e spese di carattere obbligatorio. E, in ultimo, la deliberazione relativa al rendiconto della gestione 2012, nella quale il Consiglio di Amministrazione della Biblioteca ha riassunto le attività e gli obiettivi raggiunti per salvaguardare i livelli di servizio pur nelle minori disponibilità economiche che hanno richiesto la rimodulazione e, in qualche caso, il ridimensionamento delle attività. Il consuntivo si chiude con un avanzo di amministrazione di euro 20.853.

Per queste tre delibere, relative al 2012 (!), io e Mauro ci siamo astenuti. Oltretutto non condividiamo assolutamente i tagli lineari attuati dal commissario al bilancio della Biblioteca Comunale. Tuttavia la delibera passa, con il voto contrario delle minoranze -ad eccezione di noi due astenuti- e favorevole della maggioranza.

AFFIDATA A SIENA AMBIENTE LA RISCOSSIONE DELLA TARES

Approvata la delibera, immediatamente eseguibile, con la quale il Consiglio Comunale ha affidato, per il 2013 e tramite apposita convenzione, a Siena Ambiente SpA, la riscossione della TARES (tributo comunale sui rifiuti e sui servizi). L’acconto, pari al 55% rispetto alla tariffa netta del 2012, dovrà essere corrisposto entro il prossimo mese di agosto, con possibilità di dilazionamento a settembre; mentre il saldo sarà a dicembre, salvo diverse previsioni di legge.

A questa delibera, per la quale abbiamo votato compatti -insieme agli altri della minoranza- contrari, ho fatto notare come sulla questione della spazzatura ci sia ancora molto da fare. In particolare ho ricordato la necessità di adottare la raccolta differenziata spinta, oltre all’opportunità di installare dei raccoglitori multimateriale anche nel centro storico (dove è tutto “indifferenziato”, dalla lattina di alluminio alla buccia di banana…). Inoltre, con altri consiglieri della minoranza, abbiamo più volte sottolineato la necessità di NON AVERE un centro storico invaso di sacchi spazzatura durante le ore diurne (quando per Siena vi sono i turisti), con un pessimo spettacolo per tutti coloro che vengono a visitare la nostra bella città.

Da notare la mia osservazione sulla necessità di valutare bene, per il prossimo anno, l’opportunità di assegnare nuovamente il servizio a SienaAmbiente. Il Sindaco, a tal proposito, ha informato il consiglio della nascita di una nuova società, 6toscana, controllata dalle “partecipate comunali” (tra cui SienaAmbiente), che “è il nuovo gestore del servizio integrato dei rifiuti urbani nelle provincie dell’Ato Toscana Sud (Arezzo, Grosseto e Siena). Raggruppa l’esperienza dei gestori operanti nel territorio della Toscana del Sud e si propone l’obiettivo di valorizzare il patrimonio territoriale e ambientale, gestendo il servizio in modo efficiente, efficace e sostenibile.

Scopriamo inoltre che il Comune di Siena ha indetto una gara per la gestione della raccolta dei RSU, con appalto a 25 anni (avrò capito bene ?), di cui la vincitrice è -guarda caso !- proprio SienaAmbiente !

Per la mia dichiarazione di voto, ho fatto una dichiarazione piuttosto telegrafica: “Se già mi piace poco l’idea di avere la gestione dei rifiuti ad una società esterna locale come SienAmbiente, mi piace ancora meno l’idea che tale gestione passi ad una società di dimensione regionale. Per questo motivo annuncio il mio voto contrario alla delibera.

ADOTTATA UNA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER L’OSPEDALE SANTA MARIA ALLE SCOTTE

Il Consiglio Comunale ha adottato una variante al Regolamento Urbanistico che interesserà l’ospedale cittadino Santa Maria alle Scotte, così da consentire opere di ampliamento e nuova edificazione all’interno del perimetro della struttura, finalizzate all’espletamento di importanti servizi di prevenzione e cura.

Questa delibera è “fantastica”: con la necessità di installare un nuovo macchinario per la TAC/PET (che, a quanto dicono, non è stato ancora acquistato…ma che è urgentissimo e necessario per la popolazione !), oltre a 1300mc per lo strumento, verranno anche costruiti gli spogliatoi per il personale ed un parcheggio multipiano, per una superficie complessiva di 3000mq !

Ci siamo opposti, chiedendo di posticipare questa decisione per permettere alle costituenda commissione di valutare adeguatamente se non esistano altre soluzioni, magari ristrutturazioni o adeguamento di spazi esistenti.

Personalmente ho fatto notare che i tempi per le nuove costruzioni sono piuttosto lunghi e che, pertanto, meglio aspettare qualche giorno per valutare bene la delibera che prendere decisioni affrettate. Inoltre alle Scotte hanno tagliato reparti e posti letto: possibile che non vi siano spazi già disponibili ed adattabili ?

Nulla, la colata di cemento targata piddìmenoelle, con la scusante delle “necessità inderogabili per la città”, continua incessantemente…

MODIFICATO LO STATUTO DI SIENA AMBIENTE

Approvate alcune modifiche allo statuto di Siena Ambiente SpA, resesi necessarie ai fini del piano industriale proposto dal CdA della società lo scorso giugno. Definite ulteriori revisioni, inoltre, che rispondono a quanto stabilito da apposito DPR (n. 251 del 30.11.12) il quale, tra l’altro, stabilisce che le controllate da pubbliche amministrazioni debbano provvedere a modifiche statutarie proprio per assicurare l’equilibrio tra i generi e la parità di accesso agli organi di controllo.Al fine di ridurre i costi di gestione, è stata deliberata anche la riduzione dei numeri dei componenti del CdA, precedentemente compreso tra un minimo di 7 e un massimo di 15 rappresentanti, all’attuale forbice tra 3 e 7.

Qui è da far notare come il giorno prima del CC, 17 luglio 2013, l’Assemblea dei Soci di SienaAmbiente avesse già approvato le modifiche statutarie e che la discussione in consiglio era puramente formale. Preciso, per correttezza, che il Dott. Mancuso, vicesindaco e rappresentante del Comune di Siena nell’Assemblea dei Soci, si è astenuto dalla votazione.

Comunque, anche qui ho fatto notare alcune modifiche che proprio non mi vanno giù, tra cui l’ampliamento dell’oggetto societario, che adesso annovera anche la “manutenzione del verde pubblico” tra i suoi scopi. Ho fatto presente la mia preoccupazione su eventuali future esternalizzazioni del servizio di manutenzione del verde pubblico, attualmente realizzato dagli operai del Comune di Siena.

Anche per questa delibera abbiamo annunciato il nostro voto contrario.

Oltre a questi argomenti, ai sensi del TUEL, è stato anche approvato il Piano Programmatico di questa giunta, che consiste praticamente nel programma elettorale che ogni forza politica deve depositare, alla presentazione della lista, all’Albo Pretorio.

Il programma è quello di “Siena Cambia” e consiste in pochi fogli pieni di slogan elettorali e nessun pragmatismo. Si dice tutto ed il contrario di tutto, fumoso, vago, inconcludente. Questa delibera è importante perché a settembre l’amministrazione dovrà dire quanto e cosa è stato fatto, secondo il programma proposto. Il voto di questa delibera separa la maggioranza dalla minoranza, identificando univocamente le due parti del consiglio comunale.

Dopo una discussione piuttosto accesa sulla fumosità delle linee programmatiche presentate, si passa alla fase di voto. Noi, allineati alla minoranza, annunciamo voto CONTRARIO. La maggioranza voto FAVOREVOLE. Un solo astenuto, Mauro Marzucchi di Siena Futura, che ancora non è chiaro da quale parte voglia stare: per il momento, è nel guado.

Inoltre, durante la mattinata, ci sono state alcune interrogazioni da parte di alcuni consiglieri della minoranza (…ma non sarebbe meglio chiamarla “opposizione” ?). Da ricordare l’assenza del Cons. Neri, che in un comunicato stampa dichiara di “non essere presente per protesta“. Assenti, per la precisione, anche alcuni assessori (tra cui ricordo solo il Tafani, assente per ferie).

Il consiglio comunale, iniziato alle 09:00 con una veloce riunione dei capigruppo, è terminato alle 20:30.

Il prossimo consiglio, dove si costituiranno finalmente le commissioni comunali, dovrebbe essere calendarizzato per l’8 agosto.

(Visitato in totale 1 volte, oggi 1 visite)
1 comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.