#ciaogianroberto

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.
Quando conobbi di persona Gianroberto Casaleggio, nel suo studio a Milano, sin da subito mi era sembrato una personalità complessa. Un uomo tendenzialmente schivo, riservato, timido. Preferiva la lentezza dello scrivere alla velocità delle parole. Ed anche quel giorno a Milano (il 9 ottobre 2009),  sul palco c’era Beppe ad inaugurare la nascita della più rivoluzionaria forza politica italiana.
IMG_1135
 
Insieme si completavano a vicenda: l’uno grande professionista del palcoscenico, l’altro visionario, grande pensatore ed idealista. Ed hanno creato qualcosa di grande, di importante, Qualcosa che in pochi hanno è entrato per sempre nella storia contemporanea italiana, capace di stravolgere assetti istituzionali sclerotizzati da decenni e tornare a dare speranza agli italiani.
 
Con la scomparsa di Gianroberto, il MoVimento 5 Stelle perde una delle sue anime ispiratrici. Il sogno però continua, come e meglio di prima, perché il faro è ancora lì, che brilla, nella lunga notte della politica italiana.
#ciaogianroberto, che la terra ti sia lieve.

Michele Pinassi

Blogger, appassionato di tecnologia, società e politica. Attualmente Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: