A Rimini, per #italia5stelle

“Innamorati quando sei pronto, non quando sei solo”
Anonimo

Dopo aver vissuto la prima, euforica, edizione di Roma e la seconda, più “umida” (meteorologicamente parlando) di Imola, questa quarta edizione riminese, con un clima decisamente piacevole, l’ho vissuta più che altro da osservatore.

La scienza ci dice che l’innamoramento dura circa 6 mesi, poi ogni relazione matura e può consolidarsi, facendo nascere rapporti sani e duraturi, oppure sfaldarsi. Con il MoVimento 5 Stelle, dopo 11 anni, credo che la mia relazione sia ormai abbondantemente maturata e all’entusiasmo dei primi tempi si è sostituita una sana curiosità e voglia di lavorare concretamente alle tematiche che più mi stanno a cuore. Questo era, infatti, l’obiettivo che mi ero preposto prima di partire per Rimini. Obiettivo tuttavia in larga parte mancato, soprattutto per il clima più difficile che si viveva tra i padiglioni, ormai poco più che gazebo informativi con continui talk e agorà: interessanti, per carità, ma come dicevo prima ormai dal mio “rapporto” con il MoVimento 5 Stelle adesso desidero qualcosa di più concreto e diretto.

Alla parziale insoddisfazione sul piano “professionale”, devo invece ammettere che è stata una bella occasione di svago e di divertimento, insieme agli altri amici del gruppo senese del MoVimento. Ed è anche stata l’occasione per incontrare de visu molti attivisti e portavoce con i quali, durante l’anno, si collabora per portare avanti il duro lavoro da consigliere comunale.

Inoltre, come dicevo in apertura dell’articolo, ho vissuto questi 3 giorni da osservatore, con la mia fedele macchina fotografica sempre pronta a cogliere il momento giusto.

Guardando le foto, avete notato qualcosa di particolare ? Io si, guardandomi attorno ho notato molte particolarità. La prima è che ci sono migliaia di persone, in tutta Italia, che non si vergognano di indossare il simbolo del MoVimento 5 Stelle. Può sembrare banale ma non lo è: indossare un simbolo politico è una grande responsabilità, che può anche portare a ripercussioni sul piano sociale o lavorativo. Ecco, tutti coloro che in questi giorni indossavano una maglietta, una spilla, un foulard con il simbolo del MoVimento 5 Stelle stavano dichiarando la loro adesione ad un movimento politico controcorrente, che sta sfidando l’establishment gerontocratico della partitocrazia italiana con volti e idee giovani ed innovative. E poi, guardate in terra. Non c’era una sola carta, bottiglia, cicca di sigaretta. Oltre 30-40 mila persone si sono riunite in un prato e non hanno lasciato, dietro di sé, neanche una carta: tutto era recuperato nei cesti della raccolta differenziata posizionati un po’ ovunque. La sensazione di ordine e di pulizia era inebriante, lasciando davvero sperare in un futuro diverso, migliore, civile. E poi la cortesia, i sorrisi, la cordialità… si respirava davvero un’aria diversa, sana, fresca.

Pertanto, al di là del gossip, dei selfie, dei soliti parvenue, degli inciampi di percorso e dei pettegolezzi messi in campo talvolta ad arte da chi guarda più al suo tornaconto che al bene collettivo, l’aria che ho respirato in questi giorni è ancora fresca.

Avanti così, a riveder le (5) stelle.

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: