Borgo Nero a Casole d’Elsa

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Incuriositi ed anche un po’ annoiati dal clima ben poco estivo di questi giorni, ieri sera abbiamo deciso di andare a Casole d’Elsa per partecipare a questa festa del “Borgo Nero“.

Festa borgo nero

La locandina

Tralasciando l’appunto dell’uso del Comic Sans nel manifesto ufficiale della manifestazione, pratica assolutamente deprecabile, premetto subito che il “Borgo Nero” proprio non mi è piaciuto. Apprezzabile che un piccolo comune come Casole d’Elsa, flagellato dalle speculazioni edilizie e dagli scandali connessi al territorio, abbia la forza e la volontà di organizzarsi in eventi di questo tipo, cavalcando forse l’entusiasmo e la fama del bel più blasonato “Mercantia” della vicina Certaldo.

Tuttavia quando si organizzano manifestazioni particolari, l’attenzione verso il cliente/visitatore deve essere massima. Senza voler scendere nella qualità degli spettacoli, con artisti più o meno capaci anche a seconda dei gusti e delle sensibilità personali di ognuno di noi, la macchina organizzativa ha lasciato molto a desiderare.

Ad esempio, sul manifesto e nei comunicati era indicato l’orario delle 19:30 come inizio dell’evento: arrivati a Casole poco prima delle ore 20:00, scoprivamo che nel Borgo era solamente possibile mangiare, mentre le piazze e le vie erano totalmente sguarnite di qualsiasi tipo di intrattenimento, esclusi ovviamente 4 scheletri di plastica che sembravano più ridicoli che altro. Anche il tentativo di ricreare una atmosfera Salemiana (o Transilvanesca, se preferite) attraverso l’uso di luci soffuse, candele, torce e drappi neri con simboli sagittari, inframezzati da tibie, teschi e scheletri, poteva forse suggestionare i più piccoli (ai quali, forse, era indirizzata la manifestazione) ma falliva miseramente nell’intendo di stupire gli intervenuti.

Comunque, tornando all’organizzazione, gli spettacoli erano organizzati su due locations (le due Piazza del Centro), che si alternavano (obbligando i visitatori a spostarsi continuamente) nelle esibizioni. Sul foglietto non vi era menzione dell’orario degli stessi, che scopriamo successivamente iniziare alle 21:30 e terminare oltre mezzanotte, con estenuanti tempi morti tra una esibizione e l’altra.

Credo, anche confrontandomi con alcuni amici ivi presenti, che sarebbe stato importante coinvolgere i visitatori con spettacoli continui di minor tono, anche in contemporanea, per evitare di trovarsi a ciondolare annoiati per i vicoli del borgo, in attesa che succeda qualcosa.

Tra l’altro, assolutamente ridicolo e puerile il “Corteo Funebre”, con figuranti salmodianti in “buffa” che trasportavano un finto defunto, dentro una bara, che talvolta si divertiva a “spaventare” (?) i passanti. Immancabile l’indemoniato, trattenuto da corde, assolutamente fuori dal contesto.

Comunque, pur non apprezzando moltissimo l’organizzazione dell’evento, devo dire che i *pochi* artisti presenti erano bravi. Ovviamente accompagnato dalla mia fedele Reflex, con il 50mm 1.8, ho scattato qualche foto della serata.

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Associazione casoleventi ha detto:

    Mi sembra evidente la sua antipatia verso Casole, a prescindere da cosa propone, altrimenti per quale motivo avrebbe inserito nel suo “articolo” un link che riporta a fatti accaduti 8/9 anni fa e che NULLA HANNO A VEDERE CON LA FESTA DEL BORGO NERO? La realizzazione di detto evento è solo ed unicamente (anche dal punto di vista economico l’Amministrazione comunale non vi investe nemmeno un euro ) opera di un gruppo di volenterosi che mettono a disposizione il loro tempo e le loro risorse umane per il bene di Casole. Le critiche che ci rivolge hanno solo un sapore distruttivo e dispregiativo (che sia dovuto alla sua “fede politica”?).
    p.s. scusi tanto se abbiamo disturbato i suoi preziosi occhi con la scritta in Comic Sans.!!
    .

    • Michele ha detto:

      Grazie per il suo commento, anche se desidero rassicurarla che non nutro alcuna antipatia nei confronti di Casole. Tutt’altro, mi piace molto sia il borgo che come è stato tutto ristrutturato nel tempo, a differenza di altri. Tuttavia non posso ignorare i fatti molto gravi accaduti negli anni passati, per i quali sono state coinvolte personalità di spicco del vostro Comune.

      Comunque, tornando all’evento in oggetto, ho semplicemente espresso la mia personale opinione, senza voler in nessun caso sminuire il lavoro dei tanti cittadini che vi hanno partecipato: in genere le critiche degli utenti dovrebbero essere apprezzate, poiché permettono di effettuare un analisi su come un certo evento viene percepito e su come adoperarsi per migliorarlo. Evidentemente, a quanto si evince dal tono stizzito della sua risposta, vi ritenete già perfetti così.

      Michele Pinassi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: