Pensavate di averle già viste tutte ? Vi sbagliavate: arriva MySocialBook !

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Non credevo che i nuovi modelli di business creati grazie alla Rete (solo fino a 20 anni fa Internet era roba da delinquenti, hackers e pedofili….) potessero arrivare a tanto. Anche se, a pensarci bene, dopo il vibratore per farsi i selfie alla vagina, qualsiasi altra cosa acquista un senso compiuto, compreso il MySocialBook, il tuo libro che contiene la tua “vita sociale” su Facebook.

Si, se avete sempre sognato di poter conservare su carta stampata le foto che vi siete scattati ubriachi a casa di amici, i post mielensi scritti il giorno dopo aver conosciuto una ragazza, gli immancabili scatti del vostro gatto (o di qualsiasi altro gatto o quadrupede vivente), ecco la risposta: per soli 14,90€ e la spedizione gratuita, arriverà a casa il vostro libro sociale !

Bene, ammetto di essere stato talmente colpito dalla genialità dell’idea da voler provare a vedere cosa succede. E’ tutto molto semplice: si clicca sul pulsante rosa “Crea il mio My Social Book!” e si autorizza l’applicazione ad interagire con il nostro profilo Facebook. A questo punto il sistema ci chiederà se il libro è per noi o per un nostro familiare per sorprenderlo “con questo grande dono“: per ora, limitiamoci a me medesimo, ok ?

A questo punto vi chiederà il periodo temporale che volete possedere su carta e dopo che il sistema ha scaricato tutte le vostre foto e contenuti sui loro server (così, tanto per sapere…), vi offre una serie di opzioni per personalizzarlo, ad iniziare dal colore e dalla foto di copertina.

Ovviamente non è prevista una preview: il passo successivo è “Aggiungi al carrello“, con tanto di scelta della copertina, dalla più economica alla più lussuosa brossura.

Arrivato qui, mi fermo: proprio non mi entusiasma l’idea di avere su carta quanto ho scritto su Facebook. Sarà perché, in fondo, lo odio. O, semplicemente, la vita reale è fuori da lì.

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: