Snom 320 e Snom 300

Attenzione ! Questo articolo è stato scritto più di due anni fa. Ti prego quindi di considerare che le informazioni riportate potrebbero non essere aggiornate o non più valide.

Come i lettori assidui del mio blog già sanno, siamo in fase di ricerca e valutazione per gli apparecchi VoIP da utilizzare all’interno dell’Ateneo di Siena, dove lavoro.

Proprio qualche giorno fa ci hanno portato in prova un appliance T-Vox per una valutazione sul prodotto in merito alle necessità ed esigenze dell’ateneo.

Insieme al T-Vox hanno consegnato, sempre in prova, due apparecchi Snom: il 320, con i tasti laterali aggiuntivi, e il 300.

Direttamente dal sito web del produttore, troviamo:

Snom 300

Quale modello base della famiglia di telefoni aziendali, il telefono SIP snom 300 risponde alle esigenze primarie in termini di impiego della telefonia VoIP ed offre numerose funzioni irrinunciabili in ambito professionale.

Sempre dal sito web ecco alcune delle caratteristiche principali:

  • Display a due righe (2×16 caratteri)
  • 27 tasti, 7 LEDs
  • 6 tasti funzione liberamente configurabili
  • 4 account SIP (“linee”)
  • 2 porte Ethernet
  • SIP RFC3261
  • Sicurezza: SIPS/SRTP, TLS
  • STUN, ENUM, NAT, ICE
  • Compressione: G.711, G.729A, G.723.1,G.722, G.726, GSM 6.10 (Full rate)

Snom 320

Ideale per l’ufficio e per chi telefona molto: lo snom 320 é un telefono SIP professionale dall’ottimo rapporto qualità prezzo e dotato del vivavoce (full duplex) come della funzione di conferenza a tre.

Display grafico a due righeLe relative caratteristiche principali:

  • 47 Tasti, 13 LEDs
  • 12 account SIP (“linee”)
  • 12 tasti funzione liberamente configurabili
  • Vivavoce
  • Alimentazione ethernet (PoE)
  • Tastiera aggiuntiva con 42 tasti funzione programmabili
  • SIP RFC3261
  • Sicurezza: SIPS/SRTP, TLS
  • STUN, ENUM, NAT, UPnP, ICE
  • Codecs: G.711, G.729A, G.723.1, G.722, G.726, GSM 6.10 (Full rate)
  • Supporto della lingua locale

Dopo qualche prova di utilizzo, dei due apparecchi apprezzo particolarmente la chiarezza delle informazioni sul display, a caratteri grandi (a prova di “utonto”). La suoneria è facilmente personalizzabile ed anche l’interfaccia di configurazione via web è facile e intuitiva. L’aspetto esteriore è abbastanza solido e robusto, con plastiche nere opache e tasti con buon feedback tattile.

La documentazione su come fare l’autoprovisioning è disponibile sul Wiki della Snom all’indirizzo:http://wiki.snom.com/Features/Mass_Deployment

Configurazione degli apparati

 

Entrambi i modelli hanno un comodo server Web sulla porta 80 per la configurazione degli stessi. Basterà recuperare l’IP (nmap -sP può essere di grande aiuto) ed aprire il browser.

Unica accortezza per la configurazione è nella parte relativa agli account SIP. La schermata è chiara ma nel caso si inserisca un nome a dominio nella parte “Server:” è necessario aggiungere, nell’URI, anche la porta UDP. Ad esempio:
voip.server.it:5060

Altrimenti la registrazione al server fallirà in un antipatico 404:

Transport Error: Pending packet 1000251: generating fake
Registrar 2169@voip.server.it refused with code 404
Will try to reregister in 300 seconds
Registration Metrics failed

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena ed esperto di sicurezza informatica nello staff del DPO. Utilizza quasi esclusivamente software libero.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: