Vecchio hardware

Ricordo ancora quando acquistai il mio primo PC: un Olivetti P75 con 750MByte di hard disk. Era il 1992, se non sbaglio. E da qualche parte in cantina ho ancora il mio mitico Amiga 600. Poi cambiai il PC, passando ad un midi-tower assemblato da me. Spesi ben 250€ per una Matrix Mistique 220, il top delle schede video dell’epoca. E ricordo che chiesi un Iomega Zip in regalo ai miei genitori. Ricordo le nottate passate ad installare Windows 98 da floppy disk ed i primi MP3, faticosamente scaricati con il modem a 33.6kbps. Ricordo quando 16MByte di RAM erano tantissimi ed un HD da 1 Giga un sogno proibito. Ho ancora il mio primo portatile, un Toshiba Satellite 1640CDS, perfettamente funzionante.

Il mondo dell’informatica è in continua evoluzione ed hardware sempre più potente a costi sempre più contenuti prende il posto dei vecchi PC. Smaltire il vecchio hardware, magari ancora funzionante, è oneroso anche perchè riciclare è difficile e si rischia di inquinare l’ambiente con sostenaze pericolose come piombo, rame e mercurio.

C’è chi prova a vedere i vecchi monitor e stampanti ma i prezzi di mercato sono talmente bassi che spesso neanche ne vale la pena ! E allora ? Che fare ?

Beh, in cantina ho un bell’assortimento di vecchio hardware, magari PC recuperati accanto a cassonetti e perfettamente funzionanti, anche se lenti. Alcune idee interessanti sono:

  • Lettore MP3: basta un HD da qualche giga ed un vecchio Pentium ! Ovviamente Linux è la scelta migliore (e quasi obbligata) per poter usare proficuamente il sistema
  • Multimedia BOX per la TV: un lettore DVD, una distro Linux con mplayer, un processore Pentium 3 >= 800MHz, qualche giga di HD ed una scheda video con uscita TV
  • Muletto per Torrent/Proxy server per casa/Server di posta: sempre con Linux…scatenate la fantasia !!!
  • PC da auto, o CarPuter

Se proprio non volete perder tempo a giocare con il vecchio hardware potete sempre DONARLO al LUG locale che, magari, lo riciclerà per donarlo a qualche scuola o istituto. Lo SLUG, ad esempio, qualche anno addietro allestì un LIL (Laboratorio Informatica Libera) con vecchi PC e sistema operativo Linux. Attualmente stiamo cercando di mandare hardware funzionante in Togo per un progetto di informatizzazione.

Insomma, evita di buttare nel cassonetto…ricicla !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.