Perché le mail di phishing sono scritte così male ?

“Tutto ciò di cui hai bisogno in questa vita è ignoranza e fiducia, poi il successo è assicurato.”
Mark Twain

Vi sarà sicuramente capitato di ricevere una mail di phishing, di quelle mail verosimili ma scritte così male, con un italiano così sgrammaticato e pieno di errori, da farvi subito nascere il sospetto sulla loro veridicità. O forse no.

Secondo alcune opinioni anche autorevoli, come quella del Team di Ricerca della Microsoft (Why Do Nigerian Scammers Say They are From Nigeria?), l’utilizzo di un linguaggio così brutto e scorretto ha un preciso obiettivo: filtrare immediatamente i più scaltri ed attrarre, nella trappola, solo i più fessi.

Del resto, perché perdere tempo con chi ha già mangiato la foglia o comunque potrebbe mangiarla proprio ad un passo dal successo ? Perché sprecare preziose energie a dover rispondere a persone che, comunque, potrebbero aver già annusato la fregatura ?

Molto meglio filtrare subito i potenziali “clienti”, con un filtro passa-basso che elimina direttamente i più furbi o esperti. E lasciando che le vittime siano “di qualità”, ovvero più propense a cadere nel tranello.

Spiegazione banale ? Forse.

Un altro studio indicherebbe (e il condizionale è comunque d’obbligo) che la propensione a cadere nella trappola dipende dalla nostra personalità: i più sicuri di sé, gli introversi e le donne (!) sarebbero più inclini ad essere truffati (Vittime di Phishing: è colpa della propria personalità, La Stampa).

Fatto sta che ancora oggi c’è chi casca in queste mail, dalla vincita miliardaria a qualche improbabile lotteria alla donazione a scopi umanitari, passando per sentenze in giudicato per finire con eredità multimilionarie di qualche principe africano desideroso di fare della beneficenza.

I dati sono comunque preoccupanti: secondo una ricerca di Sophos, produttore di antivirus, quasi un dipendente su 2 rimane vittima del phishing (Quasi 1 dipendente su 2 vittima di phishing, Tech Economy) ed in Italia sono già oltre 100 le vittime accertate dell’ondata di phishing “bancario” che ha colpito il nostro Paese (Phishing, come funziona la truffa: sono oltre 100 le vittime italiane, Today).

Quindi, non fate i lucci…non abboccate !

Michele Pinassi

Nato a Siena nel 1978, dopo aver conseguito il diploma in "Elettronica e Telecomunicazioni" e la laurea in "Storia, Tradizione e Innovazione", attualmente è Responsabile del Sistema telefonico di Ateneo presso l'Università degli Studi di Siena. Utilizza quasi esclusivamente software libero. Dal 2006 si occupa di politica locale e da giugno 2013 è Consigliere Comunale capogruppo Siena 5 Stelle.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: