VerificaC19 VS Check DCC: Italia e Romania a confronto sui dati del green pass

TL;DR l’app governativa rumena per la verifica dei green pass, a differenza di quella italiana, mostra tutti i dati contenuti all’interno dei certificati verdi, compresa data di somministrazione, tipologia di vaccino, scadenza etc. Quando mostriamo il nostro green pass, bene verificare che venga utilizzata l’app indicata dal Governo Italiano.

“Agisci come se quel che fai, facesse la differenza. La fa.”
William James

In Italia il Garante della Privacy ha più e più volte sottolineato le ripercussioni sulla privacy dei cittadini relativamente ai dati contenuti nel QRcode del “green pass, di cui abbiamo già parlato anche in questo blog, e tutte Istituzioni hanno indicato l’app. VerificaC19, sviluppata dal Ministero della Sanità, come strumento per il controllo degli stessi.

L’app. Verifica C19 è stata sviluppata per mostrare solamente una piccola parte dei dati contenuti nel QRcode, come NOME, COGNOME e DATA DI NASCITA, oltre a un simbolo grafico e colori per verificare la validità, al momento del controllo, del “green pass“.

Non tutti i Paesi Europei hanno avuto la medesima “delicatezza”: ad esempio, l’app Check DCC, analoga alla nostra Verifica C19 e sviluppata dal Ministero delle Telecomunicazioni romeno, non si fa grandi scrupoli nel mostrare l’intero set dei dati contenuti nel QRcode, compresa la data di vaccinazione, la scadenza, la tipologia di vaccino, lo Stato e l’autorità che ha rilasciato il certificato.

Ovviamente, questa app è liberamente scaricabile da chiunque, cittadini italiani compresi, e può essere usata senza limitazioni, compresa la possibilità di effettuare screenshot dei dati visualizzati.

Questo ci pone davanti a una questione molto importante e ampiamente nota: nell’Era di Internet, della Rete globale che permette a tutti di connettersi in pochi millisecondi con l’altra parte del Pianeta, alcune normative nazionali fanno molta fatica a imporsi in modo efficace: questo vale per gran parte di ciò che concerne l’ambito digitale, che ormai investe moltissimi settori e ambiti della nostra quotidianità ma troppo spesso sfugge alle maglie delle normative nazionali.

La questione dell‘extraterritorialità delle normative concernenti la privacy e la tutela dei dati personali, diritti derivati dalla tutela dei diritti umani, è uno dei grandi temi che rischiano, tra l’altro, di far “collassare” la Rete per come la conosciamo adesso. Anche se l’Europa si è dotata di un Regolamento per la Protezione dei Dati Personali (2016/679 “GDPR”), ancora oggi all’interno dell’Unione ci sono differenze interpretative che possono causare, come nel caso specifico qui descritto, discrepanze rilevanti sulle decisioni in merito alla tutela dei dati personali dei cittadini europei, in questo caso relativi ai dati contenuti nel “green pass“: se l’Italia, complice probabilmente un clima politico e sociale preoccupante in merito al tema dei vaccini, ha deciso di mostrare il meno possibile, per la tutela delle libertà individuali, la Romania sceglie invece il percorso della massima trasparenza in merito.

Chiaramente parliamo di dati che sono tutti presenti all’interno del “green pass“, quindi la scelta del legislatore è inerente esclusivamente allo strumento tecnologico utilizzato per estrarli e visualizzarli: sarà quindi compito di noi cittadini verificare che, all’ingresso in palestra, al cinema o al ristorante, chi controlla il nostro certificato verde stia effettivamente utilizzando l’app. Verifica C19 e non, magari, qualche altro strumento che potenzialmente potrebbe ledere le nostre libertà.

Questo articolo è stato visto 37 volte (Oggi 1 visite)

Hai imparato qualcosa di nuovo?

2 comments
  1. A parte che non sono troppo preoccupato dei miei dati, mi sembra difficile chiedere a chi ti deve autorizzare a fare qualcosa di farti vedere quale app usa. A volte penso che sarebbe meglio poter vedere tutti quali sono i dati che vengono chiesti. Il controllo sarebbe forse più democratico

    1. Caro Francesco, dei tuoi e dei nostri dati dovresti essere preoccupato assai, perché chi controlla i dati, controlla le persone. La visualizzazione limitata dell’app italiana è per evitare discriminazioni basate sul fatto di essere vaccinati o con tampone: pensa al posto di lavoro, dove magari chi decide di non vaccinarsi viene discriminato e non può neanche nasconderlo… è importante, per salvaguardare la nostra libertà individuale e proteggere le nostre scelte, poter beneficiare di spazi di riservatezza.

      Grazie per il tuo commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.